AN ARCTIC DECADE – Plunge celebra a Milano i 10 anni di Glacial Movements con un one-day festival

glacial-movements

 

Giovedì 22 dicembre Plunge celebra a Masada il decennale di Glacial Movements con An Arctic Decade: Rapoon, Philippe Petit, Netherworld ed Enrico Coniglio per quattro differenti prospettive sonore del ghiaccio

 

 

Giovedì 22 dicembre, nel terzo appuntamento della stagione presso Masada ed ultimo per l’anno solare 2016, Plunge presenta An Arctic Decade, one-day festival celebrativo per i dieci anni dell’etichetta discografica romana Glacial Movements. L’evento ospita quattro live set ad opera di altrettanti artisti che hanno fornito alcune decisive interpretazioni sonore dell’area semantica del “ghiaccio”, comun denominatore della forte impronta curatoriale della label e del suo catalogo. L’occasione vede la prima italiana del britannico Robin Storey, in arte Rapoon, già fondatore del seminale collettivo e laboratorio post-industriale Zoviet France e autore di un lungo percorso di indagine dei meandri più oscuri e tenebrosi dell’ethno-ambient, riscoprendo tracce sonore occulte idealmente sepolte sotto una spessa coltre di ghiaccio.

Prima di lui, il francese Philippe Petit presenta un live dalla fortissima componente performativa, centrato sull’ interazione fra roventi suggestioni drone e raggelanti escursioni elettroacustiche. Ai due ospiti internazionali si affiancano le performance di due eccellenze italiane:Enrico Coniglio, fra i maggiori ricercatori nell’ambito del paesaggio sonoro e già ospite di Plunge a Febbraio assieme a Giovanni Lami, esegue una “topofonia” dei punti di fusione e solidificazione del paesaggio acquatico. Un’introduzione teorica e pratica al microambiente del “glaciale” che vedrà il suo punto di fuga nella performance conclusiva ad opera di Netherworld, il progetto solista del fondatore di Glacial Movements Alessandro Tedeschi, i cui elementi sonori sono in buona parte prelevati on-site dall’ecosistema acustico dell’Artide. L’isolazionismo atmosferico ed emotivo si incontra e sublima con pulsioni ritmiche di matrice dub-techno, a completare le celebrazioni per la “decade artica” di una penetrante idea di suono.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...