plunge || verge

17.05.2016 | 21.30
Milano | Masada
Viale Carlo Espinasse 41
FABIO ORSI live
META live
opening & aftershow: THINK’D vinyl dj set

 

verges

una produzione Plunge
in collaborazione con Masada
con il supporto di Boring Machines
media partner Frequencies


 

Martedì 17 maggio Plunge torna a Masada, per il quarto appuntamento stagionale fra le mura del circolo di Viale Espinasse. Il decimo evento della stagione, intitolato verge (bordo, estremità), è idealmente improntato al graduale raggiungimento di una soglia, un punto di non ritorno che passa da increspature elettroniche d’entità crescente per approdare ad una stratificazione sonora totalizzante. La line-up è nuovamente composta da due eccellenze del panorama italiano, autori di performance dal forte coinvolgimento emotivo e suggestivo, chiamate a confrontarsi con lo spazio di fruizione frontale e “diretto” di Masada.

Protagonista della serata sarà Fabio Orsi, fra i massimi esponenti italiani dell’ambient music, che nel corso della sua decennale carriera ha attraversato uno spettro sonoro vastissimo – dal romantico intreccio di drone e field recordings degli esordi alla psichedelia occulta e algida degli ultimi lavori. Ad introdurre l’immersione nel suo vasto e variegato repertorio sarà la performance di META, laboratorio creativo condiviso da Luigi Calfa e Simone Giudice in cui la terra di contatto tra ambient e techno viene rielaborata a partire da strutture circolari post-minimaliste. Ad introduzione e conclusione della serata, una serie meticcia di esplorazioni di repertorio su vinile curate e mixate da Think’d.

 

GLI ARTISTI

FABIO ORSI (I)  // dark/psych-ambient, elettroacustica

Fabio Orsi è uno dei principali esponenti della scena sperimentale italiana. Nel corso della sua carriera decennale come musicista, ha esplorato diverse sfaccettature della musica atmosferica e della psichedelia elettronica. Dai caldi e luminosi drones degli esordi, conditi di fields recordings e sonorità romantiche, ai più recenti pattern ossessivi ed algidi, il suo lavoro di cesellatore di suoni è riconosciuto internazionalmente come uno dei più peculiari. Ha pubblicato per etichette come Boring Machines, Silentes, Backwards e A Silent Place e ha collaborato con artisti come Seaworthy, My Cat Is An Alien, Pimmon, Valerio Cosi, Gianluca Becuzzi e Claudio Rocchetti

 

META (I) // ambient-techno, drone

Luigi Calfa e Simone Giudice hanno fondato META nel 2013. Si tratta di un personale laboratorio creativo sperimentale il cui nome deriva dalla preposizione – prefisso greco μετά, utilizzato per indicare tutto ciò che va ‘oltre’, e si astrae da ogni forma di limite [spaziale e temporale]. Il loro primo ed inedito lavoro, “Ambienti – Volume I”, è uscito a Maggio 2016 per Kabalion Records. Luigi Calfa, meglio noto con lo pseudonimo Years Without Days, è un compositore di musica elettroacustica e sound artist attivo dal 2010, la cui ricerca sonora trae ispirazione dalla musica minimalista. Simone Giudice è un giovane compositore elettroacustico con un background techno, da cui ricava parte della sua identità che è continua e instancabile oscillazione tra intimi percorsi ambient e sperimentazioni floor-addicted.

 

 

IL PROGETTO

Plunge è un progetto nato a settembre 2015 e frutto della voglia di portare in città e nel paese alcune fra le più interessanti proposte artistiche legate alla ricerca sonora e all’arte contemporanea. Il progetto ha lo scopo di costruire e promuovere eventi culturali (concerti, performance, lecture, workshop) attraverso i quali intende risalire all’origine del suono, per poi effettuarvi un’immersione profonda, ridando la centralità assoluta all’esperienza dell’ascolto. Plunge si dedicherà alla realizzazione di eventi costruiti attorno ad un concept particolare, relativo ad un’indagine su sonorità specifiche, delle quali l’evento stesso rappresenta una possibile interpretazione. Partendo dal presupposto di procedere in una ricerca autentica sul suono e sulle sue dimensioni applicative e ricettive, la performance, l’installazione, il concerto, il luogo in cui essi avvengono, divengono modalità di fruizione, diverse e/o complementari, di un determinato ambito sonoro, prospettive differenti da cui esplorarlo, attraverso le quali farne esperienza, immergervisi.