THE SELF PORTRAIT EXPERIENCE®

“L’esperienza dell’autoritratto”

workshop & lecture di
ROSY SINICROPI


live concert by
MY DEAR KILLER
18.01.2017 | 20.30
Milano | Masada | Viale Carlo Espinasse 47

Evento Facebook

the-self-portrait-experience-628x300

 una produzione Masada
in collaborazione con Plunge
a cura di Plunge e Ugo Sandulli
con la partecipazione di Rosy Sinicropi
all’interno di Salotto Masada

 

Mercoledì 18 gennaio Plunge e Masada presentano un evento transdisciplinare dedicato al tema della percezione del sé attraverso le forme dell’autoritratto. La serata, parte del ciclo Salotto Masada e curata da Ugo Sandulli con Plunge, vedrà l’inaugurazione e la presentazione del workshop The Self Portrait Experience®, realizzato dalla fotografa e artista Rosy Sinicropi sulla base del metodo elaborato da Cristina Nunez. Il workshop, della durata di due giorni, si svolgerà a Febbraio presso gli spazi di Masada e vedrà gli iscritti cimentarsi direttamente con le tecniche dell’autoritratto fotografico al fine di instaurare un dialogo con le profondità del sé attraverso le immagini.

Alla presentazione seguirà il concerto live di My Dear Killer, alter ego di Stefano S., cantautore e sperimentatore varesino da anni protagonista di un percorso di ricerca a cavallo tra tormento interiore ed estasi naturalistica. Figlio del neo-folk degli anni Novanta, delle esperienze di ricerca elettronica inerenti il paesaggismo sonoro e interessato da sempre alle svariate possibilità espressive del rumore, i suoi album e le sue performance costituiscono altrettante indagini autoritraenti in forma sonora, raccogliendo al loro interno colori, sensazioni, istinti e puri fenomeni percettivi.

 

GLI ARTISTI

ROSY SINICROPI (I) // self-portrait photography, ego researcher

Allieva di Cristina Nunez, dopo aver partecipato al workshop per facilitatori, dal 2012 comincia a tenere workshop come assistente e in autonomia presso scuole, musei di fotografia (MUFOCO), in carcere (Bollate) e con gruppi di adulti interessati a lavorare sul sè. Nel 2015 espone il suo progetto “Silence”, realizzato con il fotografo Antoine D’Agata (Agenzia Magnum) presso Les Rencontres de la Photographie ad Arles. Oggi continua a lavorare sui suoi progetti personali.

 

MY DEAR KILLER (I) // noise-writing, neo-folk, electroacoustic

My Dear Killer nasce nel 1999 dai tormenti di Stefano S, un ricercatore che si guadagna da vivere cercando di scoprire i segreti biofisici della fotosintesi. A partire dai primi anni Novanta ha fatto parte di svariate band dell’underground italiano e da allora il suo lavoro lo ha portato verso una vita nell’Albione. Per un lungo periodo, My Dear Killer è stato il marchio dietro cui si celava una band puramente teoretica, basta sulla fragile architettura di sogni, speranze, supposizioni ed ipotesi. Per alcuni anni Stefano ha prodotto canzoni costituite da sussurri e abiti non digeriti, diffusi attraverso i metodi delle antiche società segrete, al pari dei demo passati di mano in mano e pubblicati via via dall’etichetta di cui è co-fondatore, Under My Bed Records. My Dear Killer è nota come progetto volto a raccogliere una forma minimalista di songwriting stratificata in una rete di field recordings, rumori e textures ambient. Le canzoni sono costruite attorno a pochi accordi fragili e un cantato fatto di sussurri, spesso affogati in un mare di feedback o accompagnati da field recordings, e sono concepite per essere ascoltate possibilmente su audiocassetta, idealmente all’interno di una macchina parcheggiata in un lago ghiacciato.

 

IL WORKSHOP

The Self-Portrait Experience® permette a chiunque di sperimentare intensamente il processo creativo e sotto la guida dell’artista, imparare a trasformare emozioni in arte. Nell’autoritratto siamo, allo stesso tempo, autore, soggetto e spettatore. La potente dinamica tra i 3 ruoli spinge il nostro Io Creativo a “parlare” con il linguaggio dell’arte e le iconografie. Stare soli di fronte all’obiettivo stimola un dialogo tra la mente pensante e le viscere per attingere da un’inesauribile fonte di contenuti che hanno bisogno di essere espressi. Impariamo a dialogare con le immagini in profondità, utilizzando criteri artistici specifici. Il workshop si terrà a Febbraio e avrà la durata di due giorni. Durante la serata di presentazione, si potranno richiedere informazioni per l’adesione e la quota di partecipazione.

Annunci