ecliptica

26.04.2016 | 22.00
Milano | Masada | Viale Espinasse 41
CATERINA BARBIERI live
ENSEMBLE ECONOMIQUE live
JUNG AN TAGEN live

Evento Facebook

 

proposta3graph

una produzione PlungeTerzoPaesaggio
in collaborazione con Masada e Basemental
media partners ZERO – Frequencies

Martedì 26 aprile Plunge e TerzoPaesaggio presentano ecliptica, una serata dedicata interamente al tema dell’eclissi lunare e che riprodurrà artisticamente il processo di eclisse parziale lunare in atto la sera del 25 aprile 2013, tre anni esatti prima dell’evento, nelle medesime ore. L’appuntamento ospiterà i live di tre artisti di rilievo internazionale, ciascuno dei quali rappresenterà un momento specifico del processo di eclissi lunare. Ad inaugurare la serata sarà il set di Ensemble Economique, il cui ibrido di scorie dark-wave, dream-pop etereo e nebulose ambient-drone rappresenterà l’ingresso della luna nella penombra.

La fase più accentuata dell’eclisse d’ombra sarà narrata dagli spasmi acidi di Jung An Tagen, il progetto di Stefan Kushima che si muove fra deformazioni analogiche, allucinazioni cosmiche e tensione post-techno. Infine Caterina Barbieri concluderà la serata con un set centrato sui suoni del sintetizzatore modulare Buchla interconnessi all’uso in loop della voce, in un tessuto narrativo che sconfina tra minimalismo sacro, drone e techno. Una performance che nasce da un approccio meditativo alle forme d’onda primarie e alla poliritmia delle armoniche e che sarà chiamata a rappresentare l’abbandono della penombra da parte della luna.

GLI ARTISTI

CATERINA BARBIERI (I) // post-minimalism, ambient-drone, post-techno

Caterina Barbieri è una compositrice di musica elettronica italiana. Il suo album di debutto “Vertical”, prodotto tra l’Elektronmusikstudion (EMS) e la Royal University of Music di Stoccolma e interamente basato su suoni del sintetizzatore modulare Buchla e voce, è stato pubblicato dalla statunitense Important Records/Cassauna nel 2014. La musica di Caterina sorge da una meditazione sulle forme d’onda semplici e la poliritmia delle armoniche: sintesi e ripetizione sono i mezzi principali tramite cui stilizzare i clicli d’onda in severe geometrie di tempo e spazio, nel confine tra minimalismo, drone e techno. La sua musica è stata commissionata e presentata in vari contesti internazionali di musica sperimentale come The Long Now and MaerzMusik (DE), Norbergfestival (SE), Worm (NL), Dancity (IT), Suona Francese (IT, FR), Angelica (IT), Elektronmusikstudion (SE), Jardins Efémeros (PT), Macao (IT), Stockholm music and arts (SE), Art’s Birthday Party (SE), De Montfort University (UK), FLUSSI (IT), EGH by Enrico Ghezzi & Emiliano Montanari (Blob, Fuori Orario, RAI TV). La pubblicazione dei suoi ultimi album “POC – Patterns of Consciousness” e “Virtual Fundament” è programmata per il tardo 2016.

ENSEMBLE ECONOMIQUE (US) // dream-wave, dark-wave, ambient-drone

Ensemble Economique è il progetto solista di Brian Pyle (Starving Weirdos, RV Paintings). A partire dal 2008 ha pubblicato album ed EP su etichette quali Denovali, Not Not Fun, Digitalis, Amish, Dekorder, Clan Destine. L’occhio di Pyle cattura e si sofferma sul confine tra irrequietezza e rilassamento, rovina e serenità. La sua musica assorbe queste sfumature e le modella in una varietà di espressioni stilistiche: da drone e ’ambient a shoegaze, dream-pop e a dark-wave. Ogni disco racconta la propria e sempre diversa storia, dalle sperimentazioni oscure di “At The Foot Of Nameless Roads” (2008) alle atmosfere lussureggianti e cinematografiche di “Light That Comes, Light That Goes” (2013), fino a lavori più vicini alla forma canzone come “Fever Logic” (2013), “Melt Into Nothing” (2014) e l’ultimo “Blossoms in Red” (2015).

JUNG AN TAGEN (D) // acid-kraut, post-kosmische, experimental

Jung An Tagen è uno dei progetti musicali di Stefan Koshima. Utilizzando la sintesi sottrattiva e una varietà di tecniche di sampling, il progetto dà forma ad una varietà di strutture aleatorie, figura ripetitive e moiré poliritmiche, in una visione attraverso morphing di energia e stati di gravità zero. Koshima ha pubblicato con diversi moniker per etichette quali Not Not Fun, Blackest Rinbow e 100% Silk, oltre alla sua label SF Broadcasts. Ha lavorato con artisti come Tom Greenwood e Didi Bruckmayr e suonato in Europa e America dividendo il palco con Faust! e Whitehouse. Si occupa anche di video art sperimentale e ha realizzato screening per festival e mostre in tutta Europa, oltre ad occuparsi di grafiche e artwork per altri artisti, fra cui Kevin Drumm.

Annunci